AI & SEO ricerca organica: attenzione ai contenuti di bassa qualità

intelligenza-artificiale-AI-SEO-ricerca-organica
32 / 100

Esplora le sfide dell’intelligenza artificiale nella ricerca organica, come l’attribuzione e la qualità dei contenuti, e scopri come trasformare questi ostacoli in opportunità.

L’intelligenza artificiale sta avendo un impatto importante sulle imprese e sui consumatori in questo momento, e una delle aree in cui sta facendo clamore è all’interno della SEO e della ricerca organica.

L’intelligenza artificiale continua ad avere un valore reale a vantaggio della SEO, poiché fornisce una migliore comprensione del linguaggio naturale e risposte più accurate alle domande degli utenti.

Mentre Google utilizza l’intelligenza artificiale e il Machine Learning (ML) in qualche modo per potenziare le funzionalità di ricerca dal 2016, con il lancio di ChatGPT il mondo si riaccende con i discorsi sull’intelligenza artificiale e sull’intelligenza artificiale generativa (GenAI) e sul modo in cui influenzeranno il business e la vita in generale.

Di seguito sono riportati alcuni dei modi in cui l’intelligenza artificiale può avere un impatto positivo sulla tua strategia di ricerca e SEO.

Creazione di contenuti: bilanciare qualità ed etica

Nel febbraio 2023 Google ha pubblicato un blog chiamato Indicazioni della Ricerca Google sui contenuti creati con l’IA per stabilire regole e migliori pratiche sull’intelligenza artificiale generativa e sui contenuti che crea.

Google ha affermato che è giusto utilizzare la creazione di contenuti assistita dall’intelligenza artificiale, purché l’intelligenza artificiale non venga utilizzata per attività illegali, abusi, disinformazione, spam, etc.

Google ha un sistema di classificazione dei contenuti che dovrebbe premiare i contenuti di qualità superiore. Chiunque legga oggi contenuti sul web potrebbe mettere in dubbio la veridicità di questa affermazione.

La grande preoccupazione degli esperti di marketing è che che chi utilizza l’intelligenza artificiale non la utilizzi per creare contenuti di alta qualità, ma per creare tonnellate di materiale AI di bassa qualità destinato a ingannare i motori di ricerca.

Google dice che è un “no-no”. Secondo il suo blog, “Quando si tratta di contenuti generati automaticamente, la nostra guida è coerente da anni. Usare l’automazione, inclusa l’intelligenza artificiale, per generare contenuti con lo scopo principale di manipolare il posizionamento nei risultati di ricerca è una violazione delle nostre politiche sullo spam”.

E per gli esperti di marketing che pensano che ChatGPT sia pronto per la produzione di nuovi contenuti SEO-friendly, la realtà è che ChatGPT al momento è più una “demo programmata manualmente” che un sistema pronto per essere eseguito sulla creazione di contenuti ponderati. ChatGPT, per sembrare così intelligente, ha dovuto essere addestrato manualmente da esseri umani con i dati.

Personalizzazione e pertinenza: come l’intelligenza artificiale perfeziona i risultati della ricerca per gli utenti

Dal 2016 Google utilizza algoritmi AI per migliorare i risultati di ricerca. Gli algoritmi di intelligenza artificiale consentono alle applicazioni di comprendere le intenzioni e i comportamenti degli utenti in modo più completo, analizzando i dati sulla cronologia delle ricerche, sulla posizione e su altri comportamenti degli utenti.

La raccolta e l’analisi di tali dati consente alle aziende di personalizzare meglio i risultati di ricerca per rivolgersi a segmenti di pubblico di clienti più definiti.

Le aziende implementano chatbot basati sull’intelligenza artificiale per aiutare i clienti a cercare informazioni e quindi utilizzare tali dati e risultati per definire la loro strategia SEO.

Rimanere al passo con l’intelligenza artificiale: analisi predittiva per strategie SEO a prova di futuro

Utilizzando soluzioni di analisi predittiva potenziate dall’intelligenza artificiale, sia autonome che integrate in altre applicazioni martech, le organizzazioni possono prevedere meglio tendenze e risultati futuri.

Queste analisi predittive possono informare gli sforzi di creazione di contenuti e ottimizzare la SEO e i contenuti per il consumo degli utenti.

L’analisi predittiva consente alle aziende di stare al passo con le tendenze identificando le opportunità emergenti su cui concentrarsi. e di comprendere come poter ottimizzare le proprie operazioni.

In che modo l’automazione dell’intelligenza artificiale sta semplificando le pratiche SEO

L’intelligenza artificiale può aiutare ad automatizzare parti delle strategie SEO permettendo di concentrarsi su cose che contano per l’azienda. Dopotutto, ci vuole un bel po’ di tempo per fare attività come la ricerca di parole chiave e ricerche di mercato, e ci sono strumenti di intelligenza artificiale disponibili per aiutare a svolgere il lavoro pesante della SEO.

L’intelligenza artificiale può analizzare le prestazioni web e i comportamenti degli utenti e fornire suggerimenti di parole chiave, consentendoti di creare una strategia più velocemente e con maggiore sicurezza.

l’AI può anche aiutare a differenziarsi dalla concorrenza offrendo suggerimenti per le parole chiave per posizionarsi meglio rispetto ai concorrenti principali.

Protezione dei contenuti: affrontare l’attribuzione in un panorama di ricerca basato sull’intelligenza artificiale

Una delle maggiori preoccupazioni sull’impatto dell’intelligenza artificiale sulle classifiche di ricerca e sul traffico dei referral è il modo in cui gestirà l’attribuzione al contenuto originale.

Ora che Bing ha incorporato l’intelligenza artificiale e Google ha lanciato Bard, il suo concorrente di ChatGPT, è necessario definire e chiarire come viene gestita l’attribuzione su queste piattaforme.

Finora nessuno ha fornito una risposta a questa domanda, il che ci rende un po’ preoccupatoi che i creatori di contenuti originali verranno privati ​​dei diritti civili a causa della mancanza di attribuzione attraverso la ricerca generativa basata sull’intelligenza artificiale.

Il problema più grande è la qualità del contenuto stesso dell’intelligenza artificiale generativa e quanto sia accurato e valido. Chissà quali fonti sono state inserite negli algoritmi di intelligenza artificiale prima del lancio? Come si convalida il materiale originale non solo in base all’attribuzione, ma in base alla qualità della fonte?

Proprio di recente, un avvocato ha utilizzato ChatGPT per aiutare con la documentazione in un caso di negligenza. Bene, si scopre che quando ChatGPT non contiene i dati giusti, si inventa e basta. Almeno sei casi presentati dall’avvocato “sembrano essere decisioni giudiziarie false con citazioni false e citazioni interne fasulle”, ha affermato il giudice Kevin Castel del distretto meridionale di New York.

L’avvocato si è scusato e ha affermato che “si rammarica molto di aver utilizzato l’intelligenza artificiale generativa per integrare la ricerca legale svolta nel presente documento e non lo farà mai in futuro senza una verifica assoluta della sua autenticità”.

E come lo faremo tutti? Come faranno le persone a sapere se un programma di intelligenza artificiale generativa sta semplicemente inventando contenuti per compiere la sua missione? Nessuno lo sa né può ancora dirlo.

Per molti editori, la ricerca organica può rappresentare il 40%-75% del traffico complessivo. Bing fornisce collegamenti alle fonti, ma è probabile che le persone facciano clic su di essi se ottengono la risposta che stavano cercando?

Il futuro dell’intelligenza artificiale nella ricerca organica: abbracciare la trasparenza e le pratiche etiche

La realtà è che l’intelligenza artificiale continuerà ad avere un impatto sul settore della ricerca organica e della SEO, non solo aiutando le applicazioni di ricerca a comprendere meglio i clienti come persone a tutto tondo, ma anche a fornire risultati più mirati a un pubblico più definito.

L’intelligenza artificiale può aiutare nella creazione di contenuti a vantaggio della SEO, che è come Google vorrebbe vederla, oppure può semplicemente sfornare tonnellate di contenuti di ricerca di fascia bassa per ingannare i motori.

Google dovrà assicurarsi che ciò non accada e che l’intelligenza artificiale venga utilizzata in modo positivo e non manipolativo.

Infine, deve esserci trasparenza sull’attribuzione e sull’approvvigionamento dell’IA. I creatori di contenuti originali non dovrebbero essere privati ​​dei diritti civili e la loro identità non dovrebbe essere rimossa dalla catena di creazione dei contenuti. E le fonti da cui l’intelligenza artificiale attinge devono essere autenticate, altrimenti può attingere da fonti poco affidabili per spostare l’opinione, non per informare.

Fonti bibliografiche

www.cmswire.com/digital-marketing/how-is-ai-impacting-organic-search
aijourn.com/the-role-of-ai-and-automation-in-organic-search